Yaya Touré ha appena dichiarato guerra a Guardiola (e ai tifosi del City)

Neanche il tempo di dirsi addio che Yaya Touré ha sferrato un attacco deciso al suo ex (e ultimo in ordine temporale) allenatore: Pep Guardiola. Dopo le dichiarazioni al veleno rilasciate a France Football, nelle quali il centrocampista ivoriano afferma di essere convinto che il tecnico catalano abbia qualche antipatia contro i giocatori di colore (quelli africani in particolare), a parlare nel pomeriggio è stato direttamente il suo procuratore.

Se già all’inizio della scorsa stagione erano montate le polemiche tra Guardiola e l’agente di Toure, tale Dimitri Seluk, che aveva accusato il manager di lasciare fuori il giocatore per una sorta di “rivalità personale” e non per demeriti sportivi o per scarso impegno, questa volta il piano messo in essere dal procuratore turco potrebbe davvero scatenare le ire non solo di Guardiola e del suo entourage, ma anche di tutti i tifosi del Manchester City.

Yaya è pieno di energia e non vede l’ora di tornare a giocare con regolarità. Vuole farlo in Inghilterra, dove si è sempre trovato bene, nonostante abbia decine di offerte dall’estero. La prossima stagione però, la dedicheremo a Guardiola e ai tifosi del City che in Touré vedevano solo che un peso.

Yaya ha qualità di leadership che farebbero comodo a qualsiasi club. Per questo motivo posso affermare che il giocatore è pronto a scendere in campo per un altro top club inglese, che sia questo il Manchester United, il Liverpool o l’Arsenal per un salario di appena 1 round a settimana. Tutto per dimostrare che i soldi, al City, erano davvero l’ultimo dei suoi problemi. 

Non solo. Al termine dell’intervista Deluk ha anche affermato che, fra due o tre anni, quando Guardiola lascerà il Manchester city perché non sarà riuscito a vincere la Champions League, Touré tornerà al Manchester City anche se dovesse ricoprire un ruolo dirigenziale. Non ci resta che attendere e goderci il nuovo capitolo di questa insolita saga.