Manchester is Pink

Manchester is Red. Tre semplici parole che nel corso della storia hanno sempre accompagnato il Manchester United e i suoi tifosi, che tenevano a sottolineare la loro netta ed evidente superiorità nei confronti dei cugini rumorosi (così come amava definirli Sir Alex Ferguson) del Manchester City.

Manchester is Blue, direbbero invece i tifosi dei Citizens. O almeno, negli ultimi anni Manchester non può avere nessun altro colore che il blu, visto il dominio incontrastato, sia a livello di gioco che a livello di titoli, che il City ha perpetrato dal cambio di proprietà datato estate del 2009. Anche queste sono tre semplici parole, che raccontano però l’orgoglio di una cittadina intera: per anni infatti i tifosi del Manchester City hanno rimarcato il fatto che il vero mancunian sia in realtà un supporters dei Citizens, mentre lo United, grazie anche ai suoi successi passati, vanti un pubblico più internazionale.

Come in qualsiasi altra rivalità sportiva, sappiamo di non poterne venire a capo. Potremo discuterne per anni con i diretti interessati, senza però riuscire ad arrivare a un punto d’accordo. Quello che però in pochi sanno è che, sotto sotto, Manchester non è né rossa né blu, anzi. Manchester è rosa. Non lo si direbbe per nessun motivo al mondo, ma in realtà è davvero così.

Proviamo a spiegarci meglio.

È il 1904 quando il Manchester Evening Chronicle, quotidiano della Greater Manchester, pubblica il primo inserto sportivo (i cui contenuti si concentravano principalmente su notizie relative al calcio e al cricket) della propria storia su un pezzo di carta di colore rosa. Il giornale, ai tempi di proprietà del presidente del Manchester City, è diventato con il tempo un vero e proprio simbolo mancuniano.

Con il tempo, vista e considerata la presenza sul “mercato” di un altro giornale molto in voga (e tuttora disponibile) come il Manchester Evening News, è avvenuta una sorta di passaggio di consegne. Anzi, il MEN ha incorporato a sé il MEC lasciando però invariato l’inserto sportivo, noto appunto con il nome di “Football Pink”.

Dagli anni 60 in poi, in seguito ai ripetuti successi del Manchester United, sia in patria che in campo internazionale, l’inserto del MEN è diventato un punto di riferimento anche e soprattutto per i tifosi dei Red Devils. La sua particolarità era semplicissima: veniva messo in vendita nel tardo pomeriggio del sabato e dava la possibilità a tutti di informarsi sui risultati sportivi delle varie divisioni i cui match si erano conclusi da qualche ora.

Soprattutto a partire dagli anni 90, il “Giornale in Rosa” di Manchester è diventato un vera e propria abitudine per tutti i tifosi del Manchester United, sebbene l’avvento di internet, dei social media e delle centinaia di migliaia di piattaforme che aggiornano in diretta gli appassionati di tutto il mondo sui risultati della propria (e delle altre) squadra, nel 2007 ne è stata sospesa la pubblicazione.

Per questo motivo il Manchester United, in collaborazione con Adidas, ha scelto di dedicare il colore del kit da trasferta al celebre “Football Pink”, a tal punto che domani (e durante la prossima partita casalinga dei Red Devils) sarà disponibile acquistare il match programme celebrativo ufficiale, intitolato per l’occasione “The Pink is back”.

Etichettato